| Home | Chi siamo | Contatti | Eletti e amministratori del PD | Articoli | Documenti | Forum | Link |
Feed RSS
Partito Democratico di Piacenza
  18 novembre 2018 Partito Democratico Piacenza
· Trasparenza · Regione emilia romagna · Consiglio provinciale · Pd - gruppo consiliare del comune di piacenza · Circoli territoriali ·
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI

1 marzo 2010


EMILIA ROMAGNA: SPECIALE ELEZIONI REGIONALI 2010 

Il 28 e 29 marzo si vota per eleggere il Presidente e i componenti dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia Romagna.
Si può votare domenica 28, dalle ore 7.00 alle ore 22.00, e lunedì 29 marzo, dalle ore 7.00 alle ore 15.00.
Possono votare tutti i cittadini che abbiano compiuto il 18° anno di età entro il primo giorno delle elezioni (cioè nati prima del 28 marzo 1992) e siano iscritti alle liste elettorali.
Per votare bisogna presentarsi al seggio con un documento di identità valido e con la tessera elettorale (in caso di smarrimento di quest’ultima è possibile chiederne copia all’Ufficio Elettorale del Comune di residenza).
La scheda per l’elezione del Presidente e dell'Assemblea Legislativa regionale è di colore verde.
Per votare si deve tracciare una croce sul simbolo del Partito Democratico, il voto così espresso vale automaticamente anche per il candidato Presidente. Accanto al simbolo del PD c’è uno spazio per esprimere la preferenza a un candidato della lista del Partito Democratico. Per dare la preferenza occorre scrivere il cognome del candidato prescelto.


I CONTRIBUTI PROGRAMMATICI DEL PD: UNA REGIONE CHE COSTRUISCE FUTURO

La crisi è vera e profonda e ha colpito tutti i Paesi del mondo ma la differenza sta nella risposta che gli altri governi hanno saputo dare. La mancanza totale di strategie nel settore dell’industria come in quello delle infrastrutture, del welfare come in quello della scuola, ha infatti precipitato l’Italia in una scenario dove non ci sono sviluppo, coesione sociale e legalità. Queste le colpe del governo Berlusconi e questo il punto di partenza di una campagna elettorale “all'attacco”. Un mese, quello che ci separa dal voto del 28 e 29 marzo, in cui dobbiamo essere orgogliosi e consapevoli di aver fatto bene laddove abbiamo amministrato, cercando di trovare una via di uscita dalla crisi senza lasciare indietro nessuno. Così si è fatto in Emilia-Romagna e così si dovrà fare in vista del voto regionale, denunciando i fallimenti del governo e ribadendo che occorrono idee e programmi che spingano ognuno di noi a dare il meglio di sé per il bene collettivo.

Il lavoro di questi mesi è stato fatto cercando di andare al di là della politica, coinvolgendo i cittadini, la società, il mondo del lavoro e dell’università. Una base fatta di partecipazione e ascolto che deve diventare una prassi in futuro. Dobbiamo saper reagire: le partite iniziano tutte da 0 a 0. Le liste proposte dal PD ER rappresentano la società e il pluralismo culturale presente nel partito. I tre quarti dei nomi presenti sulle schede, sono infatti di persone che si candidano per la prima volta a un seggio regionale, la presenza femminile raggiunge il 40%. Questo è il messaggio che lancia il PD ER per un’alternativa di governo che, partendo dalla regione, possa portare un contributo importante sul piano nazionale.

E un’altra idea di governo la sostiene anche Vasco Errani. “Tutto ciò che abbiamo fatto in questi anni” secondo il candidato alla presidenza della Regione “propone un’altra idea di amministrare la società, un’idea valida sia per la regione che per il Paese”. I nostri progetti mettono in campo un modello che è effettivamente alternativo, che mette al centro una comunità. “Bisogna pensare alle persone”, ammonisce Errani. La destra rappresenta l'Emilia-Romagna “sulla base del loro schema preconfezionato: descrivono una società regionale bloccata e sottomessa ad un potere”. Questo è inaccettabile per Errani, perché “nega ciò che è davvero la forza di questa comunità e cioè il suo dinamismo e la sua libertà”. “Dobbiamo essere sereni e parlare della nostra regione e delle nostra gente”. Vincere le elezioni significherà guadagnare i voti degli elettori dimostrando di essere “qui e ora i portatori di una cultura di governo più solida, capace ribattere all’individualismo promosso dal governo pronunciando con forza quella che è e deve essere la parola chiave del PD: noi”.

CLICCA QUI PER CONSULTARE ALTRI DOCUMENTI:

Il documento progammatico di sintesi

Il documento sul welfare


Il documento sull'ambiente

Il documento sul sapere

Il documento sull'economia



I CANDIDATI ALLE ELEZIONI REGIONALI E I CANDIDATI PIACENTINI


Con circa il 40 per cento di donne e un’età media di circa quarantacinque anni, la lista dei candidati alle elezioni regionali del 28 e 29 marzo, di cui i tre quarti sono candidati per la prima volta, è stata presentata ufficialmente venerdì 26 febbraio nel corso della manifestazione di apertura della campagna elettorale del Partito Democratico dell'Emilia-Romagna.
Competenza, innovazione e territorialità” questi i criteri che hanno guidato la composizione della lista del Partito Democratico. Il PD si presenta con uomini e donne capaci di interpretare al meglio la società emiliano-romagnola e di rispondere da subito ai bisogni dei cittadini e dei territori, attraverso le diverse professionalità e competenze oltre che per l’esperienza politica o amministrativa. Nella lista sono infatti ben rappresentati i mondi della cultura, dello sport, delle libere professioni, della scuola, dell'associazionismo e degli enti locali.

PAOLO BOTTI
Nato a Piacenza il 29 giugno 1959 coniugato con un figlio, attualmente impiegato in una società di consulenza aziendale, con 17 anni di esperienza sindacale in CGIL, gestendo in qualità di segretario del settore edile prima e metalmeccanico poi le vertenze aziendali più significative del ns. territorio e maturando una profonda conoscenza del tessuto economico della nostra provincia e del mercato del lavoro.
Come presidente di TEMPI SPA, ha acquisito notevole esperienza manageriale nel settore del trasporto pubblico che lo ha portato ad amministrare diverse altre società di livello interregionale (Trasporto Pubblico Locale Lombardia SCARL, SMC Esercizio SCARL).
Ha iniziato l’impegno politico fin da ragazzo, approdando all’esperienza dei DS e poi del PD. Attualmente è Segretario provinciale del PD di Piacenza.

PATRIZIA CALZA
Nata a Piacenza nel 1961, coniugata, avvocato in Piacenza e docente di Discipline Giuridico-economiche presso Istituto Tecnico Commerciale “A.Volta” di Borgonovo V.T.
Ha svolto i seguenti incarichi politico-amministrativi:
- dal 1999 al 2004: Consigliere comunale presso Comune di Gragnano Trebbiense, Consigliere provinciale presso Amministrazione provinciale di Piacenza, dove dal 2002 ha svolto il ruolo di Capogruppo del Gruppo “Margherita”;
- dal 2004 al 2009: Vice-Sindaco del Comune di Gragnano Trebbiense, Assessore provinciale alle Infrastrutture, Viabilità e Trasporti della Provincia di Piacenza;
- dal 2009 ad oggi: Vicesindaco del Comune di Gragnano Trebbiense.
 
MARCO CARINI
Marco Carini ha 51 anni ed è Presidente provinciale di Legacoop. È fondatore e Presidente della Cooperativa Inacqua. È sposato, con una figlia di 10 anni, ama la lettura, il cinema, le lunghe passeggiate in montagna e soprattutto immergersi nei mari del mondo.
Nell’88 ha fondato la Cooperativa Sociale Inacqua, inventandosi una nuova professione che ha riscosso grande successo, l’idrochinesiologo. A distanza di 20 anni, oggi le sedi sparse in Italia sono 18.
Dal 1994 al 1998 è stato consigliere comunale del Pds assumendo il ruolo di Presidente della Commissione Consiliare per lo Sviluppo Sociale. Dal 2002 e fino ad oggi, il suo impegno maggiore è stato profuso dentro la Lega delle Cooperative: “Per portare avanti i valori dell’impresa sociale e della mutualità, che appartengono ad una storia ultracentenaria, ma anche per radicarli nel nostro tempo”.


CLICCA QUI PER IL FAC_SIMILE DI SCHEDA




Bookmark and Share





Girafeste: scopri tutte le feste del PD dell'Emilia-Romagna
Ricerca nel sito
»

paola de micheli elezioni piacenza primarie pd congresso marco carini politiche
Agenda Appuntamenti
« Novembre 2018 »
DoLu MaMe GiVe Sa
    1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30
Visualizza le 17 feste »  
Link utili
 Federazione Provinciale PD Piacenza - Via Roma 187/189 - 29121 Piacenza - tel. 0523 384797 - fax. 0523 322978 - CF 91091280338 - Privacy Policy

Il sito web di Partito Democratico Piacenza non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto